Le azioni della Russia in Ucraina indicano che Mosca incita al genocidio commettendo le atrocità volte a distruggere il popolo ucraino, secondo un rapporto degli analisti statunitensi New Lines Institute for Strategy and Policy e del canadese Raoul Wallenberg Center per i Diritti umani, riporta CNN.

Questo è il primo rapporto indipendente sul genocidio in Ucraina dall’inizio della guerra.

La relazione riporta che la Russia, ha violato, in particolare, gli articoli 2 e 3 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio

Gli autori del documento confrontano la situazione in Ucraina direttamente con il massacro organizzato dall’esercito della Republika Srpska nella città bosniaca di Srebrenica nel 1995 e chiedono ai leader mondiali di influenzare la Russia prima che sia troppo tardi.

Questo è il primo rapporto indipendente sul genocidio in Ucraina dall’inizio della guerra.

La relazione riporta che la Russia, ha violato, in particolare, gli articoli 2 e 3 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio

Gli autori del documento confrontano la situazione in Ucraina direttamente con il massacro organizzato dall’esercito della Republika Srpska nella città bosniaca di Srebrenica nel 1995 e chiedono ai leader mondiali di influenzare la Russia prima che sia troppo tardi.

Nel documento, elaborato dal New Lines Institute for Strategy and Policy, think tank con sede negli Stati Uniti, e dal canadese Raoul Wallenberg Center for Human Rights, vengono fornite “ampie e dettagliate prove su uccisioni di massa di civilideportazioni forzate e retorica disumanizzante usata da alti funzionari russi per negare l’esistenza di un’identità ucraina”. 

Mosca “è responsabile delle violazioni della Convenzione sul genocidio in Ucraina”, ha detto alla Cnn Azeem Ibrahim del New Lines Institute, che ha visitato l’Ucraina a marzo per raccogliere prove per il rapporto, che verrà distribuito a governi, parlamenti e organismi internazionali in tutto il mondo.

Gli esperti, tra le altre cose, sottolineano le ripetute dichiarazioni di Vladimir Putin secondo cui l’Ucraina non avrebbe il diritto di esistere come stato indipendente ed indicano il “linguaggio disumanizzante usato dagli alti funzionari russi per descrivere gli ucraini”. Quanto alle forze armate russe, l’accusa è di aver compiuto “un modello di atrocità coerenti e pervasive contro i civili ucraini nella loro collettività” durante l’invasione. E si fa riferimento alle “ben documentate esecuzioni sommarie a BuchaStaryi Bykiv e nelle regioni di Sumy Chernihiv, gli attacchi deliberati della Russia ai rifugi, alle vie di evacuazione e alle strutture sanitarie, così come gli attacchi e i bombardamenti indiscriminati di aree residenziali, stupri, assedi, i furti di grano e le deportazioni forzate in Russia, che equivalgono tutti a un modello di distruzione genocida”.

Il New Lines Institute e il Raoul Wallenberg Center hanno precedentemente indagato sulle persecuzioni dei rohingya e degli uiguri in Birmania e in Cina.

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.