I partigiani ucraini colpiscono i soldati russi dietro le proprie linee – L’Economist

Melitopol è la capitale non ufficiale della resistenza dell’Ucraina. A partire dalla metà di marzo le mappe di guerra prodotte dall’Istituto americano per lo studio della guerra mostrano che è coperto di strisce, il che significa il territorio dove i partigiani sono attivi.

Vicino a Kherson, una base aerea controllata dai russi è stata fatta esplodere quasi due dozzine di volte.

A Enerhodar, Andrii Shevchyk, il sindaco collaborazionista, era l’obiettivo di un tentativo di assassinio senza successo.

Quando i russi abbandonano i carri armati o i camion della benzina, gli agricoltori ucraini li trainano via.

I funzionari di Kyiv rifiutano di commentare le operazioni. Parlando in via ufficiosa, un alto ufficiale dell’intelligence dice che sarebbe meglio parlare con un prete: “Questa è opera di Dio. Dio sta punendo la Federazione Russa. Forse non direttamente.”

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.