Gran Bretania: In soli cinque giorni, il ministro dell’Interno Priti Patel prevede di espellere dozzine di richiedenti asilo in Ruanda. 14 siriani sono tra le 100 persone che sono state informate che saranno inviate in Ruanda.

È del tutto senza precedenti e se il volo decolla il governo strapperà i suoi obblighi di fornire sicurezza alle persone in fuga da guerre e persecuzioni.

Chiedere asilo è un diritto umano fondamentale, non un crimine

Waad al-Kateab, la pluripremiata regista di For Sama, fotografata qui con la sua famiglia e gli amici a Londra con un murale per la #GiornataMondialeDelRefugee, è fuggita dal bombardamento militare russo su Aleppo nel 2016 e ha cercato rifugio nel Regno Unito. Lei ha detto:”Come me e la mia famiglia, queste persone sono state costrette a lasciare il loro paese. Non hanno avuto scelta di perdere la loro casa, la loro identità e i loro cari. La loro unica scelta era fare tutto il possibile per sopravvivere. Alla ricerca di sostegno e speranza nel Regno Unito, non riesco a credere che ora affrontino il loro mandato in un altro paese. Come possiamo permettere che gli esseri umani vengano trattati in questo modo? Non possiamo. I politici britannici devono agire ora. ”Invia subito un’e-mail al tuo parlamentare per fermare le deportazioni e invertire questa politica:https://act.thesyriacampaign.org/letter/uk-email-mp-rwanda/

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.