La guerra a Mariupol nelle pagine di diario di un bimbo di 8 anni

Gli orrori dell’assedio di Mariupol Yegor Kravtsov li porta incisi sul corpo: a soli 8 anni è stato testimone del capitolo più sanguinoso di questa guerra scoppiata nel cuore d’Europa.

Oggi, con la sua famiglia è riuscito a fuggire a Zhaporizhia: di quei giorni rimangono i pensieri raccolti in un diario, dove con un’innocenza disarmante racconta cosa significhi vivere vivere tra piogge d’artiglieria e schegge di granate. 

“Ho una ferita sulla schiena, la pelle è strappata” c’è scritto tra le prime pagine. “Mia sorella ha la testa rotta. E mia madre si è strappata i muscoli della mano e ha un buco nella gamba”.

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.