Giornata mondiale della salute

Oggi ricorre la Giornata Mondiale della Salute, in un momento delicato per il nostro Paese e per l’intero Pianeta. Da settimane combattiamo un nemico invisibile che ha colpito migliaia di persone e ci ha portato via affetti, soprattutto nelle fasce più fragili della popolazione. Per la prima volta tutti ci siamo sentiti davvero uguali e fragili di fronte alla tremenda propagazione del virus.Questa 70esima Giornata è dedicata alle infermiere e alle ostetriche e allora voglio riprendere qui la storia di Elena, l’infermiera dell’ospedale di Cremona, la cui foto accasciata dopo un turno estenuante di lavoro, aveva fatto il giro del mondo. Pochi giorni fa Elena è guarita dal Covid e le sue prime parole sono state “presto tornerò in corsia”.Il personale sanitario, che oggi è in prima linea, va valorizzato come merita. Questa è una lezione per il “dopo”.La competenza, la gentilezza, la vicinanza umana e l’abnegazione professionale che ognuno di loro sta dimostrando in questo tragico momento è qualcosa di straordinario, di cui essere orgogliosi. E da non dimenticare.

F.to Anna Ascani

L'immagine può contenere: una o più persone e primo piano

Giornata sull’autismo

Oggi è il 2 aprile, la giornata che l’ONU ha voluto dedicare alla promozione della consapevolezza sull’autismo. In questi giorni di quotidianità sospesa e di silenzio, penso a questi studenti, più fragili, che non possono frequentare le lezioni in classe con i loro compagni, perdendo così la fondamentale opportunità di socialità che una scuola inclusiva, come quella italiana, offre.
Come MIUR Social siamo al loro fianco, oggi come ogni giorno. Stiamo facendo un grande sforzo, insieme a docenti, dirigenti, personale e famiglie, nel prevedere misure adeguate per la didattica a distanza e garantire il più possibile la normalità a questi ragazzi.
Dobbiamo stare uniti in questo momento, senza lasciare indietro nessuno. Perché solo insieme potremo ripartire.

F.to Anna Ascani