Air pollution linked to far higher Covid-19 death rates, study finds

L’inquinamento atmosferico è collegato a tassi di mortalità significativamente più alti nelle persone con Covid-19, secondo l’analisi.

Il lavoro mostra che anche un minuscolo aumento di una sola unità dei livelli di inquinamento da particelle negli anni precedenti la pandemia è associato ad un aumento del 15% del tasso di mortalità. La ricerca, condotta negli Stati Uniti, calcola che l’aria leggermente più pulita a Manhattan in passato avrebbe potuto salvare centinaia di vite.

Date le grandi differenze nei livelli di aria tossica nei vari paesi, la ricerca suggerisce che le persone nelle aree inquinate hanno molte più probabilità di morire di coronavirus rispetto a quelle che vivono in aree più pulite. Gli scienziati hanno affermato che l’aria sporca è già nota per aumentare il rischio di sindrome da distress respiratorio acuto, che è estremamente mortale e causa di decessi correlati a Covid-19, così come altri problemi respiratori e cardiaci.

Un rapporto separato di scienziati in Italia rileva che gli alti tassi di mortalità osservati nel nord del paese sono correlati ai più alti livelli di inquinamento atmosferico.

Gli scienziati hanno affermato che le loro scoperte potrebbero essere utilizzate per garantire che le aree con alti livelli di inquinamento atmosferico prendano ulteriori precauzioni per rallentare la diffusione del virus e distribuire risorse extra per affrontare l’epidemia. L’inquinamento atmosferico è già diminuito a causa di blocchi diffusi, ma gli scienziati hanno affermato che garantire aria più pulita in futuro contribuirebbe a ridurre i decessi di Covid-19.

Lo studio, condotto da ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, ha analizzato l’inquinamento atmosferico e le morti per Covid-19 fino al 4 aprile in 3000 contee statunitensi, coprendo il 98% della popolazione. “Abbiamo scoperto che un aumento di solo 1μg / m3 in PM2,5 [particelle] è associato ad un aumento del 15% nel tasso di mortalità di Covid-19”, ha concluso il team.

Un piccolo aumento dell’esposizione all’inquinamento da particelle nell’arco di 15-20 anni era già noto per aumentare il rischio di morte per tutte le cause, ma il nuovo lavoro mostra che questo aumento è 20 volte superiore per i decessi Covid-19.

“I risultati sono statisticamente significativi e robusti”, hanno affermato. Lo studio ha tenuto conto di una serie di fattori, tra cui i livelli di povertà, fumo, obesità e il numero di test Covid-19 e letti ospedalieri disponibili. Hanno anche valutato l’effetto della rimozione dall’analisi sia New York City, che ha avuto molti casi, sia contee con meno di 10 casi Covid-19 confermati.

“Precedenti lavori hanno dimostrato che l’esposizione all’inquinamento atmosferico ha aumentato notevolmente il rischio di morte per [il] Sars [coronavirus] durante l’epidemia del 2003”, ha dichiarato Rachel Nethery, uno dei membri del team di Harvard. “Quindi pensiamo che i nostri risultati qui siano coerenti con questi risultati.”
Xiao Wu, un altro membro del team, ha dichiarato: “Queste informazioni possono aiutarci a prepararci incoraggiando le popolazioni [con elevata esposizione all’inquinamento] a prendere ulteriori precauzioni e allocare risorse extra per ridurre il rischio di scarsi risultati da Covid-19. È probabile che Covid-19 farà parte della nostra vita per un periodo piuttosto lungo, nonostante la nostra speranza di un vaccino o di un trattamento. Alla luce di ciò, dovremmo prendere in considerazione ulteriori misure per proteggerci dall’esposizione all’inquinamento per ridurre il bilancio delle vittime di Covid-19 “.

Gli autori hanno affermato che i risultati hanno evidenziato la necessità di continuare a far rispettare le vigenti normative sull’inquinamento atmosferico e che la mancata osservanza di questa prescrizione potrebbe aumentare il bilancio delle vittime di Covid-19. Hanno osservato che il 26 marzo l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti ha sospeso l’applicazione delle leggi ambientali.

Lo studio è in fase di accelerazione per la pubblicazione su un’importante rivista medica.

Il professor JonathanGrigg, della Queen Mary University di Londra, ha affermato che lo studio è metodologicamente valido e plausibile, ma presenta alcune limitazioni, ad esempio importanti fattori come il fumo non sono stati misurati a livello individuale.

“Chiaramente, abbiamo urgentemente bisogno di ulteriori studi, dal momento che l’inquinamento da particelle generato localmente riprenderà una volta che il blocco sarà alleviato”, ha detto.

Gli Stati Uniti hanno il terzo bilancio delle vittime più alto fino ad oggi, dopo l’Italia e la Spagna. Un secondo studio incentrato sull’Italia, pubblicato sulla rivista Environmental Pollution, ha dichiarato: “Concludiamo che l’elevato livello di inquinamento nell’Italia settentrionale dovrebbe essere considerato un ulteriore cofattore dell’alto livello di mortalità registrato in quella zona”.

Ha osservato che il nord Italia era una delle aree più inquinate d’Europa e che il tasso di mortalità riportato fino al 21 marzo nelle regioni settentrionali della Lombardia e dell’Emilia-Romagna era di circa il 12%, rispetto al 4,5% nel resto d’Italia.

“È noto che l’inquinamento danneggia la prima linea di difesa delle vie aeree superiori, in particolare le ciglia, quindi un soggetto che vive in un’area con alti livelli di inquinante è più incline a sviluppare condizioni respiratorie croniche e [è più vulnerabile] a qualsiasi agente infettivo ,” ha detto.

Gli scienziati medici hanno avvertito a metà marzo che l’esposizione all’inquinamento atmosferico potrebbe peggiorare Covid-19. Le prime ricerche su Covid-19 avevano suggerito che i polmoni indeboliti dei fumatori e degli ex fumatori li rendevano più suscettibili al virus.

Mentre i blocchi hanno causato un drastico calo dell’inquinamento atmosferico, una revisione globale completa pubblicata nel 2019 ha scoperto che per lunghi periodi l’inquinamento atmosferico può danneggiare ogni organo e praticamente ogni cellula del corpo umano.

Il testo orginale dell’articolo lo potete trovare qui:

https://www.theguardian.com/environment/2020/apr/07/air-pollution-linked-to-far-higher-covid-19-death-rates-study-finds

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *