Italia e Olanda a confronto

Il governo olandese è in grado di prendere in prestito denaro a tassi molto più convenienti dell’Italia. Questi sono i pagamenti di interessi che IT e NL pagano ogni anno per coprire il proprio debito, in percentuale del PIL. Dal 2010, l’IT ha pagato ogni anno il 4% del suo PIL in interessi; la BN, meno dell’1%.

Immagine

Questo è lo stesso grafico per il periodo successivo al 2000, prendendo 2000 come base. Dal 2000 l’economia olandese è cresciuta del 30%, mentre l’economia italiana è cresciuta … del 3%. In effetti, è persino più piccolo di 10 anni fa.

Immagine

Ciò che è notevole del costante saldo primario dell’Italia dagli anni ’90 è che è stato fatto durante un periodo di lunghissima stagnazione, quando i ricavi sono bassi e le spese elevate. Questo grafico mostra la crescita del PIL in Italia e nei Paesi Bassi (base 1990 = 100).

Immagine

Un filo sulla responsabilità fiscale in Italia e nei Paesi Bassi.

Immagine

Equilibrio fiscale, totale e primario. Certo, in totale l’Italia ha sempre avuto un deficit, ma se si eliminano pagamenti di interessi, ha quasi sempre avuto un avanzo (3/4)

Immagine

Ecco un altro dato interessante sul debito: le famiglie olandesi sono le seconde più indebitate nell’Unione europea https://data.oecd.org/hha/household-debt.htm…

Immagine

E se pensi che il debito privato sia diverso dal debito pubblico: l’elevato debito privato diventa inevitabilmente debito pubblico attraverso 2 canali.

Il primo è se le famiglie accumulano troppo debito e insolvenza, le banche collassano e lo stato salva le banche, portando a un maggiore debito pubblico. Questo è quello che è successo nel 2008.

Il secondo: famiglie troppo indebitate cercano di indebitarsi consumando meno, innescando un rallentamento economico e quindi misure anticicliche da parte dello stato –> più debito pubblico.

Questo è in realtà il caso di molti paesi dell’Europa orientale e meridionale. La NL è in cima alla classifica dei mutui nell’UE, insieme agli scandinavi (fonte: https://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/images/0/00/Fig18_2_1.png… )

Immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *