CHE COSA ACCADE IN YEMEN

Il recente cessate il fuoco in Yemen e gli imminenti colloqui di pace promettono la possibile fine di un conflitto da incubo durato sei anni che ha generato una delle peggiori crisi umanitarie al mondo. Il commento internazionale tende a inquadrare il conflitto come una guerra per procura tra le potenze regionali e rimane strettamente concentrato sulle dinamiche tra la coalizione a guida saudita e gli Houthi.

In questo quadro mancano i progetti e le priorità degli attivisti yemeniti, dei movimenti sociali e delle organizzazioni di base. Raramente sentiamo le voci delle donne, dei giovani o della gente comune yemeniti. Eppure queste forze saranno essenziali per il processo di costruzione della pace del dopoguerra. I civili yemeniti stanno facendo di più che semplicemente sopravvivere contro ogni punizione. Una soluzione duratura del conflitto sarà impossibile senza di loro.

In che modo la guerra in Yemen e le prospettive di pace potrebbero apparire diverse con queste voci al centro? Presentando gli yemeniti che lavorano direttamente all’interno e con questi movimenti, questo panel fornirà un’importante prospettiva dal basso verso l’alto che può integrare e mettere in discussione i resoconti prevalenti del conflitto.

IN LINGUA INGLESE

NE PARLANO

Azal Alsalafi è Research Fellow presso lo Yemen Policy Center di Berlino e Protection and Advocacy Officer presso la Peace Track Initiative, fondata da donne yemenite all’interno e all’esterno dello Yemen che si sono riunite nel 2015 per sostenere il processo di pace in Yemen. La sua ricerca e il suo lavoro si concentrano sui percorsi di protezione, le politiche estere femministe, le dinamiche socio-economiche e il loro impatto sui diritti umani e sulla costruzione della pace. Ha esercitato la professione legale e ha lavorato su casi con la Corte internazionale di arbitrato della Camera di commercio internazionale di Parigi, quindi ha spostato l’attenzione sulla sua carriera verso i diritti umani, l’imprenditorialità e lo sviluppo socioeconomico con particolare attenzione al potenziale migratorio.

Articolo recente: “Il movimento femminista clandestino dello Yemen forma una rete di protezione dell’ombra”
https://www.yemenpolicy.org/yemens-un…

Yazeed al-Jeddawy è un membro dello Yemen Peace Forum e un consulente di ricerca indipendente. È coautore di documenti e documenti politici su gioventù, arte, giustizia di transizione, sviluppo e costruzione della pace nello Yemen. In precedenza ha lavorato come coordinatore di progetti/programmi incentrati sui giovani presso la Youth Without Borders Organization for Development (YWBOD) e come Education Program Manager presso la Nahda Makers Organization. Al-Jeddawy è stato anche rappresentante regionale MENA della United Network of Young Peacebuilders (UNOY) per due mandati consecutivi tra il 2018 e il 2022.

Stacey Philbrick Yadav è professore associato di relazioni internazionali presso i college Hobart e William Smith. È autrice di Yemen in the Shadow of Transition: Pursuing Justice Amid War, che sarà pubblicato a settembre 2022, e Islamists and the State: legittimità e istituzioni in Yemen e Libano (2013). Ha co-curato The Fight for Yemen, un numero speciale di Middle East Report, la rivista del Middle East Research and Information Project (MERIP). Dal 2019 lavora con colleghi yemeniti su progetti sponsorizzati a livello internazionale per la costruzione della pace quotidiana in Yemen.

Articolo recente: “Per una pace duratura in Yemen, l’inclusione deve significare più di una semplice voce per gli attori civili”
https://responsiblestatecraft.org/202…

Hassan El-Tayyab è Direttore legislativo per la politica mediorientale presso il Comitato degli amici per la legislazione nazionale (FCNL) a Washington. Prima di entrare in FCNL nell’agosto 2019, è stato co-direttore di Just Foreign Policy, dove ha guidato il lavoro di lobbying dell’organizzazione per promuovere una politica estera più progressista in Medio Oriente e America Latina. Ha svolto un ruolo importante nel passaggio con successo della risoluzione sui poteri di guerra per porre fine alla partecipazione militare statunitense alla guerra della coalizione a guida saudita e al blocco dello Yemen. I suoi scritti e commenti sono apparsi su Al Jazeera, BBC World News, CNN, The Hill, The Huffington Post, The Intercept, POLITICO, Responsible Statecraft e Truthout, tra gli altri punti vendita.

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.