Meloni e Salvini: qual è la posizione dei sovranisti?

L’Unione europea non è un soggetto alieno, non è madre amorosa o matrigna in funzione di quanto soddisfa o rifiuta le nostre richieste. L’Europa siamo noi, i popoli che la compongono e che ne determinano le posizioni attraverso le sue istituzioni: il parlamento, la commissione, il consiglio in cui siedono i governi.L’Unione Europea è un luogo, migliorabile nella direzione di un rafforzamento democratico e federalista, in cui la politica assume il ruolo che le spetta e chiede le competenze e le capacità che ogni leader politico dovrebbe possedere: saper negoziare, saper cooperare, saper vedere e lavorare per il bene comune.Il nostro governo, insieme ad altri governi e alle istituzioni europee, ha lavorato e ha prodotto un buon accordo, sicuramente perfettibile, ma è quello possibile oggi ed apre molte soluzioni per il contrasto a questa crisi epocale.A fronte di questo impegno e dell’assunzione di responsabilità che ne consegue, sentiamo alzarsi la voce, in Italia, di alcuni leader politici nazionalisti che, legittimamente criticano l’operato e il risultato degli accordi raggiunti. Ci chiediamo però, anche noi legittimamente: quale proposta concreta avanzino e quale alternativa possibile e credibile propongono ? Forse qualche accordo bilaterale con paesi oligarchici? O forse accordi commerciali sbilanciati a nostro sfavore? Quale responsabilità sono in grado di esercitare nei confronti del popolo di cui si dichiarano gli unici interpreti? E delle generazioni che verranno, quale ruolo politico di rilievo il nostro paese, vuole continuare a giocare, nel mondo?Ascoltando quelle voci, la risposta a queste domande è inconsistente e vaga.Il momento attuale chiede alla politica, concretezza, chiarezza, credibilità e fermezza, questo è il tempo dell’equilibrio, che non è freddo calcolo o gelida razionalità, ma è attenta lucidità , è la capacità di vedere il futuro e pianificare i passi per realizzarlo, è saper stare ad un tavolo, ascoltando le ragioni altrui, cercando soprattutto di capire come integrarle con le proprie.Partito Democratico Energia Democratica.

F.to Marco Simiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *