CoronaBonds

I coronabonds di cui si parla tanto, sarebbero obbligazioni comuni non sul debito ante crisi, perché su quello si può stimare che i paesi come Italia, Spagna abbiano debito eccessivo a causa di assenza di riforme e di buona politica, ma sul debito post crisi, cioè il debito necessario alla ricostruzione post crisi sanitaria. I coronabonds avrebbero una data limitata nel tempo, la Francia propone due anni. Essendo questa una crisi simmetrica cioè che tocca tutti e non dipende da scelte politiche più o meno brillanti, è giusto avere una risposta simmetrica e quindi Emettendo obbligazioni comuni, si permette a tutti i paesi di prendere in prestito alle stesse condizioni. Se dovesse esserci un paese vicino al default, il rischio maggiore sarebbe per la tenuta dell euro. È per questo che gli eurobonds da soli non bastano e che é importante avere il MES (salva stati) e senza condizionalità macroeconomiche, perché il MES verrebbe proprio a sostenere e a garantire la tenuta del paese in difficoltà

F.to Caterina Avanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *