Cellulari (rooming in Europa)

Ricordate i tempi in cui prima di usare il cellulare in un altro paese dell’UE ci pensavamo due volte? Quando eravamo sempre in ansia per la bolletta esorbitante che rischiavamo di trovare al ritorno a casa? Per fortuna, l’Unione europea ha messo fine una volta per tutte al discutibile comportamento delle compagnie che addebitavano costi eccessivi ai consumatori per le telefonate al cellulare, per gli sms e per i servizi internet come l’email, con tariffe di roaming elevate.

Grazie alla legislazione dell’UE possiamo ora usare il roaming alla tariffa nazionale. Ciò significa che non c’è più differenza tra l’utilizzo del cellulare nel proprio paese e in un altro paese dell’UE. La battaglia politica per ottenere questo risultato è stata lunga e difficile, ma la perseveranza delle istituzioni dell’UE ha permesso che dal 15 giugno 2017 il roaming alla tariffa nazionale diventasse realtà nell’UE. I prezzi del roaming sono diminuiti drasticamente, con un calo del 90 % dal 2007, anno in cui sono entrati in vigore i primi regolamenti dell’UE sul roaming.

I vantaggi per gli utenti sono molteplici: per esempio, è possibile chiamare da casa una persona che si trova in un altro paese dell’UE, telefonare a casa mentre si è all’estero per lavoro o in vacanza o raggiungere il proprio partner per decidere dove andare a cena in una città straniera. Potete inviare un sms o un’email, scaricare una mappa della zona, utilizzare la navigazione satellitare, trovare un museo, cercare un locale o guardare un film mentre siete in viaggio, caricare fotografie sul cloud e condividerle in tempo reale con gli amici: insomma, grazie alle misure adottate dall’UE siete sempre connessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *