Viaggiare tra Stati Membri della Comunità Europea

In quanto cittadini dell’UE, siamo liberi di recarci in un altro Stato membro per vivere, lavorare, studiare, fare una vacanza o senza nessun motivo in particolare. È improbabile che i cittadini dell’Unione siano bloccati alle frontiere o debbano fare la fila per i controlli (in particolare nello spazio Schengen). È possibile rimanere in un altro paese dell’UE per un periodo massimo di tre mesi senza dover espletare tutte le formalità amministrative o soddisfare eventuali requisiti, eccetto quello di essere in possesso di un documento di identità o di un passaporto in corso di validità. Per molti europei recarsi all’estero per visitare i familiari o gli amici, fare turismo, dedicarsi agli acquisti, seguire un corso di lingua o andare all’opera è divenuta ormai una consuetudine.

I cittadini dell’UE possono lavorare in un altro Stato membro senza essere soggetti a limitazioni o discriminazioni (ad eccezione degli impieghi nella pubblica amministrazione). I cittadini che si spostano in un altro paese non perdono le loro prestazioni sociali (ad es. i diritti pensionistici) grazie alle norme dell’UE in materia di coordinamento della sicurezza sociale. Gli studenti dell’UE generalmente accedono agli istituti di istruzione esteri a parità di condizioni rispetto agli studenti nazionali e pagano le stesse tasse di iscrizione, a differenza di coloro che provengono da paesi terzi. Anche la differenza di prezzo per l’ingresso ai musei per i cittadini stranieri è ormai un ricordo del passato. Per i soggiorni più lunghi, la legislazione dell’UE garantisce che gli oneri amministrativi nazionali siano mantenuti al minimo necessario: i cittadini dell’UE dovranno comunque registrare la propria presenza presso le autorità nazionali competenti, ma la documentazione richiesta non dovrebbe essere eccessiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *