Amarezza per il tentativo di furto di materiale informatico destinati alla scuola Falcone

Anna Ascani: Hanno cercato, per due volte, di rubare tablet e computer destinati alla scuola Giovanni Falcone dello Zen, a Palermo.
Un atto ignobile, reso ancor più grave dalla sostanza, poiché si tratta di dispositivi indispensabili per bambini e ragazzi che in questi giorni seguono le lezioni a distanza. Non è la prima volta che quell’Istituto viene preso di mira, ma la comunità scolastica continua a svolgere il proprio impegno con dedizione, svolgendo un ruolo fondamentale di presidio del territorio.
Fortunatamente il furto non è riuscito, ma rimane l’amarezza e la condanna nei confronti del tentativo.
In questa emergenza il Governo si è speso per aiutare le scuole ad avere subito le risorse, oltre 160 milioni di euro, per aiutare tutti e, insieme a questo, si è aperta una grande rete di solidarietà nel Paese, di cui sarebbe bene fare tesoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *